Voliera per balcone e giardino

 
Spedizione nel regno animale.
Voliera

Zoologi grandi e piccoli potranno presto appostarsi e riscoprire il mondo dalla porta del balcone.

Esprima una Sua valutazione
Esprima una Sua valutazione
Esprima una Sua valutazione
Esprima una Sua valutazione
Esprima una Sua valutazione
0 Valutazioni
La ringraziamo per la Sua valutazione Questa funzione è utilizzabile esclusivamente se i cookie sono attivi.
0 Valutazioni

Grado di difficoltà

Costi

Tempo necessario

Con questa casetta-nido per uccellini porterete nuova vita nel vostro giardino o sul vostro balcone. Anche se siete principianti, costruirete agevolmente la voliera nell’arco di mezza giornata. I costi si aggirano sui 20 euro.

Le seguenti istruzioni valgono per pannelli multistrato in betulla da 12 mm di spessore. Fate tagliare i pannelli presso un centro bricolage o dal vostro falegname. Qualora utilizziate altri materiali, o altri spessori, adattate opportunamente l’elenco parti.

La voliera si può appoggiare o appendere. Per la variante da appendere, vi occorreranno alcune cordicelle. Esse serviranno, al contempo, per fissare il tetto. Nella variante da appoggiare monterete semplicemente un’asta di legno sulla piastra di base della voliera, a mo’ di supporto; nel caso, anche un manico di scopa può andare bene.

L’elenco dettagliato dei materiali e il disegno sono disponibili al link «Download per il progetto».

  • Easy
    Utensili Easy
    Facilità di utilizzo.
  • Universal
    Utensili Universal
    Grande versatilità.
  • Advanced
    Utensili Advanced
    Per chi vuole il meglio.

Elettroutensili necessari:

Accessori:

  • Squadra da tracciatore o goniometro triangolare
  • Compasso
  • Punta universale, Ø 4–10 mm
  • Matita, metro pieghevole
  • Carta abrasiva, grana ca. 150
  • Pennello (oppure pistola a spruzzo)
  • Svasatore
  • Piastra di riscontro come supporto
  • Per la vostra sicurezza: mascherina, occhiali protettivi e guanti

Materiali necessari:

  • Pannello multistrato, betulla, 12 mm
  • Viti da legno a testa svasata
  • 1 elemento in legno
  • Manico di scopa, oppure cordicella
  • Colla da legno per fissaggio dell’asta di legno, oppure tasselli per applicazione della cordicella
  • Colore bianco per facciate, oppure vernice acrilica

Mostra elenco dettagliato dei materiali

Pos.

Pz.

Denominazione

Lunghezza

Larghezza

Spessore

Materiale

0

1

Piastra di base

350 mm

200 mm

12 mm

Betulla multistrato

1

2

Intelaiatura laterale

350 mm

40 mm

12 mm

Betulla multistrato

2

1

Intelaiatura anteriore

224 mm

40 mm

12 mm

Betulla multistrato

3

2

Pareti laterali

175 mm

190 mm

12 mm

Betulla multistrato

4

2

Pareti frontone

275 mm

200 mm

12 mm

Betulla multistrato

5

1

Tetto

245 mm

212 mm

12 mm

Betulla multistrato

6

1

Tetto

245 mm

224 mm

12 mm

Betulla multistrato

7

1

Asta per tasselli

300 mm

10 mm

20 mm

8

1

Manico di scopa come fondo

1.000 mm

20 mm

20 mm

9

4

Cordicella

1.000 mm

20 mm

10

27

Viti a testa svasata, 3,5 x 35 mm

11

1

Vite a testa svasata, 4,50 x 50 mm (solo per la variante da appoggiare)

12

ca. 0,5 l vernice acrilica, bianca

1

Taglio a misura della parte frontale e della parete posteriore

1 - Taglio a misura della parte frontale e della parete posteriore
Taglio a misura della parte frontale e della parete posteriore

Per prima cosa, riportate sul pannello anteriore il disegno della parte frontale della struttura. Tracciate gli spioventi del tetto con il righello e il passaggio con il compasso. Contrassegnate inoltre, con la matita, i due fori sotto alla punta, per il gancio e per trespolo.

Tagliate ora con il seghetto alternativo il frontone del tetto, lungo le linee. Fissate con morsetti il pannello anteriore al bordo del vostro tavolo da lavoro, in modo da non incidere il tavolo stesso. Tagliato il primo spiovente del tetto, dovrete sbloccare dal morsetto il pezzo in lavorazione.

Potrete utilizzare la parte frontale tagliata a misura come sagoma per la parete posteriore. Tracciate gli spioventi del tetto ed i fori di sospensione e tagliate opportunamente a misura la parete posteriore. Per ottenere bordi ben precisi, potrete poi sbavarli con la levigatrice palmare.

Praticate ora i relativi fori nella parte frontale e nella parete posteriore della voliera. Sistemate il pannello anteriore su elementi in legno squadrati, in modo da non forare il piano di lavoro, e fissate il tutto con morsetti. Praticate i tre fori di sospensione piccoli e forate il trespolo, mediante una punta per legno da 10 mm.

Per tagliare il passaggio grande in modo rapido e semplice, utilizzate una sega a tazza come accessorio per il trapano. Qualora non disponiate di una sega a tazza, praticate alcuni piccoli fori con la punta da 10 mm, uno al centro e quattro ai margini del passaggio (nelle posizioni sulle ore 12, 3, 6 e 9). Tagliate ora con il seghetto alternativo dal centro verso uno dei fori ai margini, dopodiché, seguendo il cerchio, procedete dall’uno all’altro foro. In tale fase potrà essere necessario sbloccare più volte dai morsetti il pezzo in lavorazione.

Nella parete posteriore, forate soltanto i due fori di sospensione piccoli.

2

Collegamento delle pareti frontale e posteriore con le parti laterali

2 - Collegamento delle pareti frontale e posteriore con le parti laterali
Collegamento delle pareti frontale e posteriore con le parti laterali

Le pareti frontale e posteriore andranno avvitate alle parti laterali con quattro viti ciascuna. Sistemate reciprocamente le pareti nella posizione in cui andranno avvitate e tracciate con la matita gli angoli interni delle parti laterali sulla parte frontale e sulla parete posteriore. Separate nuovamente le parti e tracciate la posizione delle viti, esattamente al centro fra la linea tracciata ed il bordo. I fori delle viti dovranno distare circa 4 cm dal bordo in alto e da quello in basso.

Preforate i fori delle viti con la punta da 4 mm nella parte frontale e nella parete posteriore. Congiungete ora la parte frontale, oppure la parete posteriore, e la parte laterale, nella posizione in cui andranno avvitate e, con una punta da 3 mm, forate nella parete laterale, passando attraverso i fori. Preforate in questo modo anche i fori restanti nelle parti laterali.

Prendete ora l’avvitatore a batteria e montate il lato anteriore e posteriore, nonché le parti laterali, con viti (3,5 x 35 mm). Accertatevi che le teste delle viti vengano incassate completamente.

Suggerimento per avvitare due parti in legno

Praticate il foro nel primo pannello in cui avviterete, sempre maggiorato di 0,5–1 mm rispetto al diametro delle viti. La profondità di preforatura dovrà consentire alle teste delle viti di scomparire completamente. Al contrario, il foro del pannello in legno da praticare per secondo, andrà preforato con 1 mm in meno rispetto al diametro della vite. Così otterrete un buon invito per la filettatura.

Per praticare tagli curvi senza sforzo

State costruendo un’automobilina di legno e dovete tagliare a forma il volante. Oppure dovete praticare incavi in una cassetta di legno, per trasportarla più agevolmente. Per questi e per altri lavori che richiedono tagli curvi, la soluzione migliore sarà il seghetto alternativo.

Apri consiglio pratico

3

Preparazione e montaggio del pannello di fondo

3 - Preparazione e montaggio del pannello di fondo
Preparazione e montaggio del pannello di fondo

Tracciate dapprima sul pannello di fondo i fori di fissaggio per le sfere del mangime, quindi eseguite i fori passanti, con la punta da 8 o da 10 mm.

Il pannello di fondo andrà avvitato alla voliera dal basso, con 8 viti, due per ciascuna parete della casetta. Sistemate, quindi, il pannello di fondo sul piano di lavoro, con il lato inferiore verso l’alto. Sistemate su di esso le quattro pareti della voliera. Tracciate quindi i contorni della casetta con la matita, dall’interno e dall’esterno. Ora togliete nuovamente la casetta e contrassegnate i fori delle viti al centro nei contorni tracciati delle pareti, ciascuno a 4 cm di distanza dagli angoli.

Preforate i fori attraverso il pannello di fondo e nel lato inferiore delle pareti, nel modo descritto. Fissate ora il pannello di fondo dal basso, con viti (3,5 x 35 mm). Accertatevi nuovamente che le teste delle viti vengano incassate a dovere.

Per poter cavarsi presto d’impaccio

Nella costruzione di mobili, i collegamenti a vite rappresentano un’alternativa rapida e semplice a quelli incollati. Forare nel legno, tuttavia, è più impegnativo di quanto non appaia a prima vista. Qui potrete informarvi sugli aspetti principali dell’avvitamento e della foratura.

Apri consiglio pratico

4

Montaggio del balconcino

4 - Montaggio del balconcino
Montaggio del balconcino

Adesso assemblate il balconcino, composto da un listello anteriore corto e da due laterali lunghi. Avvitate i listelli laterali ciascuno con quattro viti e quello anteriore con tre, come da disegno del pannello di fondo. Non dimenticate di preforare!

Un piccolo dettaglio per un grande effetto

I mobili spesso risultano più belli a vedersi se con spigoli e bordi smussati, ossia levigati a 45°. Tale compito è l’ideale per la levigatrice palmare, maneggevole e versatile, oppure per la specialista dei punti di difficile accesso: la levigatrice a delta.

Apri consiglio pratico

5

Realizzazione del tetto a due spioventi

Il tetto a due spioventi non sarà avvitato alle pareti, ma andrà collegato alla casetta tramite le cordicelle di sospensione. Per guidare le cordicelle, prima di assemblare il tetto praticate, come descritto nel disegno, due fori da 10 mm di diametro su ciascuna metà del tetto.

Ora, le due sezioni del tetto andranno avvitate per formare un tetto a due spioventi. Tracciate i fori per le viti come descritto in precedenza, preforate nuovamente ed accertatevi che le teste delle viti siano completamente incassate.

Per levigature in cui tutto fili liscio

Per gli hobbisti, la levigatura di superfici in legno è fra i lavori più frequenti. Ad esempio, per rimuovere irregolarità o residui di vernice, oppure per preparare il legno ad ulteriori trattamenti superficiali.

Apri consiglio pratico

6

Applicazione dell’asta o del manico per la variante da appoggiare

6 - Applicazione dell’asta o del manico per la variante da appoggiare
Applicazione dell’asta o del manico per la variante da appoggiare

Se non volete appendere la voliera, vi occorrerà un supporto. Allo scopo, utilizzerete un normalissimo manico di scopa. Per fissarlo alla voliera, rimuovete nuovamente il tetto e praticate, con la punta da 5 mm, un foro al centro del fondo. Preforate corrispondentemente anche il manico di scopa, con la punta da 4 mm. Applicate quindi ancora un po’ di colla sul manico di scopa e fissatelo al pannello di fondo, applicando la vite (4,5 x 50 mm) sul manico, dall’alto attraverso il fondo.

7

Applicazione della cordicella per la variante da appendere

7 - Applicazione della cordicella per la variante da appendere
Applicazione della cordicella per la variante da appendere

Per la sospensione vi occorreranno due cordicelle per ciascun lato del frontone. Misurate la lunghezza necessaria ed aggiungete 10 cm a ciascuna. Prendete ora due cordicelle ed allacciate un tassello a ciascuna estremità, a mo’ di sostegno. Ora, conducete le cordicelle attraverso il foro inferiore del frontone, dall’interno verso l’esterno, facendole poi tornare verso l’interno attraverso il foro superiore. Conducete quindi le cordicelle attraverso i fori del tetto, facendo passare una cordicella nel foro sul lato sinistro del tetto e l’altra in quello sul lato destro. Procedete nello stesso modo anche sul lato opposto del frontone. Ora potrete legare le estremità delle cordicelle a vostro piacimento e appendere la voliera.

8

Verniciatura della superficie a vista

Prima di verniciare, dovrete nuovamente rimuovere il tetto, per lavorarlo a parte.

Qualora utilizziate una pistola a spruzzo, caricate la vernice nell’apposito serbatoio e, all’occorrenza, diluitela con un po’ di acqua. Spruzzando su un pannello di prova, regolate il getto dello spruzzo sull’ugello e la quantità di colore con l’apposita rotellina. Il getto dello spruzzo può essere regolato in orizzontale o in verticale per le superfici e in forma conica per gli spigoli.

Suggerimento per verniciare

Quanto alle vernici, potrete trovarne in molte varianti ed in molte fasce di prezzo. Criteri decisivi per la scelta saranno la lavorabilità, la dotazione tecnica a disposizione in casa e le esigenze in termini di qualità e durata della superficie. Chiedete consiglio ad un rivenditore specializzato. E se non avete grande esperienza nella verniciatura, vi consigliamo di esercitarvi dapprima su un elemento di prova. Spesso, il risultato migliore e più rapido si ottiene con le vernici acriliche. Tali vernici sono diluibili con acqua e si applicano in modo facile e veloce con una pistola a spruzzo.

9

Via

9 - Via
Via

La voliera è pronta. E per far sì che venga presto abitata da qualche usignolo o cardellino, spargete al suo interno un po’ di mangime.


Nota legale

Bosch non offre alcuna garanzia sulla completezza e l’esattezza dei manuali indicati. Bosch ricorda altresì che l’uso dei presenti manuali è a rischio e pericolo dell’utente. Attuare ogni misura preventiva di sicurezza.


 

Servizio di consulenza telefonica

Per domande inerenti i prodotti e le loro applicazioni.

:39 02 36 96 2314

Lunedì–Venerdì: 09:00- 12:00
14:00- 17:00


Contattaci

Ricerca rivenditori

 
 
 
IT
Ricorda
Annotato
Dove acquistare
Cancella filtro
Visualizza filtro
Nascondi filtro
La ringraziamo per la Sua valutazione
La ringraziamo per la Sua valutazione
Visualizza altri progetti
Nascondi altri progetti
Nascondi varianti articoli
Mostra varianti articoli
Chiudi consiglio pratico
Apri consiglio pratico
Leggi resoconto delle esperienze
Chiudi resoconto delle esperienze
Nascondi elenco dettagliato dei materiali
Mostra elenco dettagliato dei materiali
Elenco di raffronto
Prodotti
Prodotto
Visualizza altri consigli
Nascondi altri consigli