Tavolino da salotto con vassoio incorporato

 
A tavola!
Tavolino da salotto con vassoio incorporato

Questo tavolino da salotto ha qualcosa di speciale: un vassoio incorporato, per servire ai vostri ospiti ogni genere di leccornie.

Esprima una Sua valutazione
Esprima una Sua valutazione
Esprima una Sua valutazione
Esprima una Sua valutazione
Esprima una Sua valutazione
0 Valutazioni
La ringraziamo per la Sua valutazione Questa funzione è utilizzabile esclusivamente se i cookie sono attivi.
0 Valutazioni

Grado di difficoltà

Costi

Tempo necessario

Trattare ancora una volta i vostri ospiti in maniera principesca con un vassoio colmo di leccornie – e fatelo scomparire all’interno del vostro nuovo tavolino da salotto. Così dimostrerete, tra l’altro, che non siete solamente un buon ospite, ma anche un ospite originale.

Tutte le giunzioni, sia del vassoio che del tavolino, sono semplicemente avvitate e pertanto visibili. Il nostro modello diventa impegnativo a causa dell’introduzione del vano per il vassoio, ma può anche essere costruito anche senza; in questo caso non sarà necessario l’utilizzo della fresatrice verticale.

Le seguenti istruzioni di montaggio sono concepite per pannelli di legno incollati di faggio dello spessore di 20 mm. Qualora venissero utilizzati altri materiali o altri spessori, sarà necessario adeguare di conseguenza l’elenco dei particolari.

Recatevi in un centro per il bricolage o dal vostro falegname per far tagliare i pannelli necessari.

  • Easy
    Utensili Easy
    Facilità di utilizzo.
  • Universal
    Utensili Universal
    Grande versatilità.
  • Advanced
    Utensili Advanced
    Per chi vuole il meglio.

Elettroutensili necessari:

Accessori:

  • Set di punte per legno
  • Punta Forstner da 28 mm
  • Svasatore
  • Carta abrasiva, grane 120–240, spugna, panno
  • Metro pieghevole, matita morbida, gomma, temperamatite
  • Piano d’appoggio da circa 600 x 600 mm (ad es. in pannello in fibra di densità media MDF)

Materiali necessari:

  • Pannello di legno incollato, faggio, 20 mm.
  • Elemento in legno squadrato, abete rosso
  • Staffe di giunzione letto-tavolo, staffe angolari tavolo
  • Viti a testa svasata, viti a testa tonda
  • Olio o cera per trattamento delle superfici

Mostra elenco dettagliato dei materiali

Pos.

Pz.

Denominazione

Lunghezza

Larghezza

Spessore

Materiale

0

1

Tavolo – Piano del tavolo

1.000 mm

400 mm

20 mm

Legno di faggio incollato

1

2

Tavolo – Lati, lungo

1.000 mm

127 mm

20 mm

Legno di faggio incollato

2

2

Tavolo – Lati, corto

360 mm

127 mm

20 mm

Legno di faggio incollato

3

2

Tavolo – Piedini

260 mm

180 mm

20 mm

Legno di faggio incollato

4

1

Tavolo – Giunto trasversale

660 mm

127 mm

20 mm

Legno di faggio incollato

5

8

Tavolo – Staffe di giunzione letto

6

8

Tavolo – Angolare

7

2

Vassoio – Lati del vano, lunghi

493 mm

50 mm

20 mm

Legno di faggio incollato

8

2

Vassoio – Lati del vano, corti

303 mm

50 mm

20 mm

Legno di faggio incollato

9

1

Vano per il vassoio – Corpo del vano

493 mm

343 mm

20 mm

Legno di faggio incollato

10

2

Vano per il vassoio – Listelli distanziatori

395 mm

30 mm

8 mm

Elemento in legno squadrato, abete rosso

11

1

Vano per il vassoio – Listello distanziale

300 mm

30 mm

8 mm

Elemento in legno squadrato, abete rosso

12

1

Vassoio – Fondo

430 mm

280 mm

20 mm

Legno di faggio incollato

13

2

Vassoio – Lati vassoio, lunghi

430 mm

50 mm

20 mm

Legno di faggio incollato

14

2

Vassoio – Lati vassoio, corti

240 mm

50 mm

20 mm

Legno di faggio incollato

15

36

Viti a testa tonda, 4 x 15 mm

16

44

Viti a testa svasata, 3,5 x 40 mm

17

6

Viti a testa svasata, 4 x 45 mm

18

4

Viti a testa svasata, 4 x 60 mm

19

8

Viti a testa svasata, 3 x 16 mm

20

2

Viti a testa svasata, 6 x 80 mm

1

Collegamento dei lati del tavolo per formare un telaio

1 - Collegamento dei lati del tavolo per formare un telaio
Collegamento dei lati del tavolo per formare un telaio

Le staffe di giunzione letto sono staffe angolari avvitate, con lati di lunghezza ridotta (nella fattispecie 22 e 28 mm) ed una notevole altezza complessiva (nella fattispecie 127 mm). Grazie ad esse, i fianchi corti e quelli lunghi del tavolino vengono montati in modo tale da costituire un telaio, dove i fianchi corti attraversano i fianchi lunghi. Le staffe vengono posizionate in modo tale che il fianco lungo venga sempre avvitato con il lato corto e viceversa; le staffe di giunzione letto garantiscono la stabilità delle giunzioni, ma è tuttavia possibile utilizzare anche altri tipi di staffe. Montare gli elementi con l’avvitatore a batteria e le viti a testa tonda da 4 x 15 mm.

2

Realizzazione dell’apertura per il vassoio nel piano del tavolo

2 - Realizzazione dell’apertura per il vassoio nel piano del tavolo
Realizzazione dell’apertura per il vassoio nel piano del tavolo Realizzazione dell’apertura per il vassoio nel piano del tavolo

Come da disegno, contrassegnare sul piano del tavolo, con la matita, la grande apertura di forma rettangolare da 280 x 430 mm per il vassoio. In ciascun angolo eseguire un foro con il trapano ed una punta per legno da 10 mm. Il bordo di questi fori può solamente sfiorare la linea tracciata con la matita, senza però intersecarla!

Guidare la lama del seghetto alternativo, con l’utensile spento, attraverso uno dei fori. Eseguire il taglio da foro a foro. Poiché i tagli eseguiti con il seghetto alternativo senza alcuna guida non sono mai perfettamente diritti, quando si taglia è consigliabile tenersi sempre all’interno della linea a matita ed eliminare quindi eventuali tratti ondulati con l’ausilio della lima per legno e della carta abrasiva.

Gli esperti tagliano 3 mm all’interno della linea e perfezionano il taglio con la fresatrice verticale e la guida parallela. In questo modo i bordi della zona tagliata risultano perfettamente rettilinei.

In ultimo rettificare ancora gli spigoli arrotondati dei fori con il seghetto alternativo.

3

Congiunzione del piano del tavolo e del telaio

3 - Congiunzione del piano del tavolo e del telaio
Congiunzione del piano del tavolo e del telaio

Poggiare il piano del tavolo sulla superficie di lavoro con la parte superiore rivolta verso il basso. Allineare a filo, sul piano del tavolo, il telaio montato in precedenza. A questo punto avvitare le restanti quattro staffe di giunzione con tutti e quattro i lati del telaio e del piano del tavolo. Utilizzare a tale scopo l’avvitatore a batteria e le viti a testa tonda da 4 x 15 mm.

4

Preparazione dei lati interni del vano per il vassoio

4 - Preparazione dei lati interni del vano per il vassoio
Preparazione dei lati interni del vano per il vassoio

Poiché abbiamo montato il piano del tavolo ed i lati utilizzando le staffe di giunzione ed al contempo il vano per il vassoio si trova accanto ad uno dei lati sottili del tavolino, è necessario collocare la staffa di giunzione a filo del bordo superiore del lato corto del vano (vedere i dettagli nel nostro disegno). Ciò significa che è necessario fresare una scanalatura a forma di U, profonda 2 mm e larga 15 mm, nel bordo superiore del lato corto del vano.

Prima di procedere con la fresatura, stabilire quali superfici dei lati del vano, una volta avvitate al telaio, saranno rivolte verso l’interno, risultando quindi visibili in seguito. Poggiare quindi il lato destro corto del vano, con la superficie esterna rivolta verso il basso, sul piano d’appoggio fissato in precedenza con i morsetti sulla superficie di lavoro (qualora siate l’orgoglioso proprietario di un banco da falegname, potrete serrare il piano d’appoggio con l’ausilio di morse da banco).

Avvitare ora il lato corto del vano sul piano d’appoggio; posizionare le viti rispettivamente a 10 mm dal bordo dei lati stretti e a 2,6 mm dal bordo dei lati longitudinali. Dopo il montaggio i fori non saranno più visibili.

Impostare a questo punto la fresatrice verticale con la fresa per scanalature da 12 mm sulla profondità di fresatura 15 mm (= larghezza della scanalatura necessaria). Fresare la scanalatura con l’ausilio della guida parallela ad una profondità di 5 mm.

5

Congiunzione degli elementi del vano per il vassoio

5 - Congiunzione degli elementi del vano per il vassoio
Congiunzione degli elementi del vano per il vassoio

Posizionare nuovamente gli elementi del vano sulla superficie di lavoro, nell’ordine in cui devono essere avvitati. Contrassegnare con una matita i contorni dei lati corti del vano per il vassoio sulle superfici interne dei lati lunghi; contrassegnare inoltre, al centro, due fori per ciascun elemento, eseguire i fori e svasare dall’esterno. Ora è possibile montare i lati del vano per il vassoio con l’avvitatore a batteria e le viti da 3,5 x 40 mm.

Suggerimento per avvitare due parti in legno

Eseguire sempre sul pezzo che dovrà essere avvitato per primo un preforo con un diametro da 0,5 a 1 mm più grande del diametro della vite; il foro dovrà essere svasato al fine di contenere la testa della vite. Nel pezzo da forare per secondo, eseguire sempre i fori con un diametro inferiore di 1 mm rispetto al diametro della vite. Per avvitare il fondo, poggiare il telaio finito sui bordi superiori ed allineare il fondo in modo che sia a filo dappertutto. Montare il telaio ed il fondo con l’avvitatore a batteria e le viti da 3,5 x 40 mm, tenendo presente durante questa operazione i nostri suggerimenti del paragrafo precedente relativi all’avvitamento di due componenti in legno.

6

Montaggio del vano per il vassoio sotto al piano del tavolo

6 - Montaggio del vano per il vassoio sotto al piano del tavolo
Montaggio del vano per il vassoio sotto al piano del tavolo

Poggiare sui cavalletti il piano del tavolo con il lato a vista rivolto verso il basso. Allineare il vano per il vassoio rispetto all’apertura. Distanziali dello spessore di 8 mm dovrebbero adattarsi con precisione agli interstizi tra i lati del vano e quelli del tavolo. Avvitare a questo punto il vano per il vassoio con i tre lati contigui del tavolo per mezzo dei listelli distanziali ed utilizzando viti da 4 x 45 mm. A tale scopo è possibile usare i fori praticati precedentemente per fresare la scanalatura. Tenere nuovamente presente, durante questa operazione, i nostri suggerimenti relativi all’avvitamento di due componenti in legno.

7

Assemblaggio del vassoio

7 - Assemblaggio del vassoio
Assemblaggio del vassoio Assemblaggio del vassoio

Con il trapano e la punta Forstner da 28 mm (punta per legno con un diametro di oltre 12 mm) eseguire i fori per l’impugnatura nei lati corti del vassoio. Seguendo le misure riportate sul nostro disegno, Contrassegnare con la matita i punti centrali di foratura su cui poggiare la punta di centraggio della punta per legno. Eseguire i fori, idealmente la soluzione migliore è di praticarli sul piano d’appoggio che avete già utilizzato per la fresatura del lato del vano per il vassoio.

Posizionare i lati del vassoio l’uno di fronte all’altro, così come andranno montati successivamente. Contrassegnare con una matita i contorni dei lati corti del vassoio sulle superfici interne dei lati lunghi, Contrassegnare al centro di ciascuno due fori, eseguire i fori e la relativa svasatura dall’esterno. Ora è possibile montare i lati del vassoio con l’avvitatore a batteria e le viti da 3,5 x 40 mm. Tenere presente durante questa operazione i nostri suggerimenti relativi all’avvitamento di due componenti in legno riportati nella fase di lavorazione 5.

Per avvitare il fondo del vassoio, poggiare il telaio finito sui bordi superiori ed allineare il fondo in modo che sia a filo su tutti i lati. Montare il telaio e il fondo con l’avvitatore a batteria e le viti da 3,5 x 40 mm, tenendo nuovamente presente durante questa operazione i nostri precedenti suggerimenti.

8

Assemblaggio del telaio ed avvitamento sotto al piano del tavolo

8 - Assemblaggio del telaio ed avvitamento sotto al piano del tavolo
Assemblaggio del telaio ed avvitamento sotto al piano del tavolo Assemblaggio del telaio ed avvitamento sotto al piano del tavolo Assemblaggio del telaio ed avvitamento sotto al piano del tavolo

Accorciare innanzitutto uno dei basamenti da 260 a 190 mm di lunghezza (qualora fosse stata scelta una profondità diversa per il vano del vassoio, adattare opportunamente tale quota).

Intagliare quindi il bordo superiore dell’elemento di collegamento trasversale con il seghetto alternativo in modo che il vano del vassoio si adatti. Contrassegnare con la matita il contorno dell’apertura di 500 x 70 mm nell’angolo superiore destro dell’elemento di collegamento trasversale e tagliare il rettangolo con il seghetto alternativo.

Per montare i basamenti e gli elementi di collegamento trasversali, posizionarli dapprima l’uno accanto all’altro nel modo in cui dovranno essere avvitati. Trasferire con la matita il contorno dell’elemento di collegamento trasversale sulle superfici dei basamenti rivolte verso l’interno e contrassegnare al centro rispettivamente due posizioni di foratura. Eseguire i fori e le relative svasature dall’esterno. Montare il basamento sull’elemento di collegamento trasversale con l’avvitatore a batteria e le viti da 4 x 60 mm.

Avvitare dapprima le otto staffe angolari di fissaggio in modo che siano a filo rispetto al bordo superiore del telaio. Questo dev’essere montato in ultimo con l’avvitatore a batteria e le viti da 3 x 16 mm sotto al piano del tavolo.

Piccolo suggerimento

Per una maggiore stabilità, le due viti a testa svasata da 6 x 80 mm possono essere avvitate attraverso il collegamento trasversale nella cavità del tavolo.

9

Levigatura delle superfici in legno

9 - Levigatura delle superfici in legno
Levigatura delle superfici in legno

Affinché la superficie sia la migliore possibile, dovrebbe essere sottoposta al necessario trattamento prima del montaggio del mobile.

Levigare quindi tutti gli spigoli utilizzando carta abrasiva da 120 o 180 e lavorando con un angolo di 45°, in modo che si crei un piccolo smusso. Levigare le superfici a vista utilizzando la levigatrice sempre nella direzione delle venature del legno, dapprima con carta abrasiva a grana grossa (120, 180), quindi con carta abrasiva più fine (fino a 240).

Successivamente le superfici vengono bagnate con l’ausilio di una spugna e quindi lucidate a umido. Durante l’asciugatura si sollevano le fibre del legno staccatesi nelle fasi precedenti, che provvederete quindi ad eliminare delicatamente con la carta abrasiva da 180. A questo punto il legno è pronto per il trattamento delle superfici.

Piccolo suggerimento

Accertarsi che la carta abrasiva non sia troppo consumata e che le fibre del legno vengano effettivamente troncate e non solo schiacciate.

10

Trattamento delle superfici con olio o cera

10 - Trattamento delle superfici con olio o cera
Trattamento delle superfici con olio o cera

Leggere innanzitutto con attenzione i suggerimenti del produttore relativi alla lavorazione e alla sicurezza. Lavorare in un locale ben aerato ed evitare di fumare, mangiare e bere nel locale stesso.

Applicare l’olio o la cera su tutta la superficie con una pistola a spruzzo ed eliminare il prodotto in eccesso con un panno. Rispettare i tempi di asciugatura indicati dal produttore.

Qualora s’intenda applicare un secondo strato di cera, sarà necessario eseguire una levigatura intermedia usando carta abrasiva con grana da 240 (una seconda applicazione di olio viene spesso eseguita senza necessità di un’ulteriore levigatura). Anche in questa occasione eseguire sempre la levigatura nella direzione delle venature del legno. Ripetere quindi l’applicazione come descritto nel paragrafo precedente. Quando la cera è asciutta, lavorare la superficie con una spazzola morbida finché non risulta brillante.

Suggerimento per l’applicazione della cera

Dopo l’applicazione, per sicurezza, lasciare asciugare il panno utilizzato per la cera disteso e ben aerato. In caso contrario, se rimanesse appallottolato, durante l’asciugatura potrebbe surriscaldarsi fino all’autocombustione!

11

Via!

11 - Via!
Via!



Nota legale

Bosch non offre alcuna garanzia sulla completezza e l’esattezza dei manuali indicati. Bosch ricorda altresì che l’uso dei presenti manuali è a rischio e pericolo dell’utente. Attuare ogni misura preventiva di sicurezza.


 

Servizio di consulenza telefonica

Per domande inerenti i prodotti e le loro applicazioni.

:39 02 36 96 2314

Lunedì–Venerdì: 09:00- 12:00
14:00- 17:00


Contattaci

Ricerca rivenditori

 
 
 
IT
Ricorda
Annotato
Dove acquistare
Cancella filtro
Visualizza filtro
Nascondi filtro
La ringraziamo per la Sua valutazione
La ringraziamo per la Sua valutazione
Visualizza altri progetti
Nascondi altri progetti
Nascondi varianti articoli
Mostra varianti articoli
Chiudi consiglio pratico
Apri consiglio pratico
Leggi resoconto delle esperienze
Chiudi resoconto delle esperienze
Nascondi elenco dettagliato dei materiali
Mostra elenco dettagliato dei materiali
Elenco di raffronto
Prodotti
Prodotto
Visualizza altri consigli
Nascondi altri consigli