Scaffali a parallelepipedo con sistema

 
Risistemabili velocemente
Scaffali a parallelepipedo con sistema

Dimostra ciò che sai fare: con un sistema a scaffali che potrai riposizionare in modi sempre nuovi.

Esprima una Sua valutazione
Esprima una Sua valutazione
Esprima una Sua valutazione
Esprima una Sua valutazione
Esprima una Sua valutazione
0 Valutazioni
La ringraziamo per la Sua valutazione Questa funzione è utilizzabile esclusivamente se i cookie sono attivi.
0 Valutazioni

Grado di difficoltà

Costi

Tempo necessario

Componete i vostri scaffali a forma di cubo e parallelepipedo come più vi piace: aperti su due lati da usare come separé o chiusi sul retro per la classica disposizione contro la parete. Oppure progettate un pratico tavolino da salotto con spazio per riporre gli oggetti.

Recatevi in un centro per il bricolage o dal vostro falegname per far tagliare i componenti necessari.

Le seguenti istruzioni di montaggio sono concepite per pannelli in fibra di densità media (MDF) dello spessore di 19 mm. Qualora utilizziate altri materiali, o altri spessori, adattate opportunamente l’elenco parti.

I pannelli sono collegati su un giunto con tre viti alla parte superiore e inferiore, la parete posteriore si applica nell’apertura posteriore. Questa struttura consente di risparmiare un dispendioso fissaggio e incollaggio di tasselli, però le teste delle viti rimangono visibili. Successivamente è possibile stuccarle e verniciarle.

  • Easy
    Utensili Easy
    Facilità di utilizzo.
  • Universal
    Utensili Universal
    Grande versatilità.
  • Advanced
    Utensili Advanced
    Per chi vuole il meglio.

Elettroutensili necessari:

Accessori:

  • Set di punte per legno
  • Svasatore
  • Carta abrasiva, grane 240, 220, 180 e 150
  • Metro pieghevole, matita morbida, gomma, temperamatite
  • Pellicola protettiva o giornali
  • Elementi di legno squadrato
  • Mascherina, occhiali protettivi e guanti

Materiali necessari:

  • Pannello in fibra di densità media (MDF)
  • Feltrini
  • Viti a testa svasata
  • Vernice

Mostra elenco dettagliato dei materiali

Pos.

Pz.

Denominazione

Lunghezza

Larghezza

Spessore

Materiale

0

2

Ripiani

400 mm

400 mm

19 mm

Pannello in fibra di densità media (MDF)

1

2

Pagine

362 mm

400 mm

19 mm

Pannello in fibra di densità media (MDF)

2

1

Parete posteriore

362 mm

362 mm

19 mm

Pannello in fibra di densità media (MDF)

3

4

Feltrini

4

ca. 24

Viti a testa svasata, 4 x 35 mm

5

ca. 1,5 l

Vernice + 10% acqua o diluente al nitro

6

ca. 1,5 l

Filler di fondo + acqua o diluente al nitro secondo le indicazioni del produttore

1

Preforatura dei pezzi per l’avvitamento

1 - Preforatura dei pezzi per l’avvitamento
Preforatura dei pezzi per l’avvitamento Preforatura dei pezzi per l’avvitamento

Perché l’MDF dei lati e della parete posteriore non si strappi durante l’avvitamento, è preferibile eseguire dei prefori per le viti. Segnare le posizioni di foratura sul pannello superiore/inferiore.

Unire un lato sul pannello superiore/inferiore in modo tale che i due pezzi formino un angolo retto che dovrà poi essere avvitato. Segnare il bordo del lato sulla superficie interna del pannello superiore/inferiore. Segnare anche i bordi della parete posteriore sui pannelli superiori/inferiori e sui lati.

A questo punto, segnare le posizioni dei tre fori ad una distanza pari alla metà dello spessore del pannello (= 9,5 mm) dai bordi esterni: uno al centro, gli altri due a 40 mm dal bordo stretto del pannello. Eseguire i prefori con il trapano ed una punta per legno da 4,5 mm. Svasare i fori sui lati esterni ad una profondità sufficiente a nascondere le teste delle viti.

Attraverso questi fori vengono preforati anche i bordi dopo il trattamento della superficie. Ma questo lo vedremo più tardi.

2

Trattamento delle superfici

2 - Trattamento delle superfici
Trattamento delle superfici

Rompere dapprima gli spigoli di tutte le parti, lavorando la superficie con carta abrasiva (grana da 150) mantenendo un angolo di 45°, in modo da ottenere un piccolo smusso. Lavorare le superfici con la levigatrice e la carta abrasiva, grana 150 – 180.

Per la preparazione, dapprima familiarizzare con i consigli di preparazione e di sicurezza del produttore coprire la superficie di lavoro con cura, proteggendola con pellicola o con vecchi giornali. Raccomandiamo l’uso di mascherina, occhiali protettivi e guanti. Applicare il filler di fondo con il rullo o utilizzando una pistola per verniciatura a spruzzo e lasciarlo asciugare bene.

Consigli per le parti in MDF

Le superfici realizzate in MDF sono caratterizzate da un elevato assorbimento. Per questo motivo occorre trattarle con una vernice di fondo. A tal proposito si deve dedicare particolare attenzione ai bordi: ciò significa applicare più strati. È possibile evitare la dispendiosa applicazione di filler (così viene definita l’operazione per il trattamento delle superfici assorbenti con una vernice viscosa, che riempie le irregolarità, i graffi e i pori del pannello) qualora si utilizzino materiali MDF con strato di fondo. Ciò consente una perfetta applicazione della vernice senza necessità di utilizzare i filler – perlomeno sulle superfici. Levigare accuratamente le superfici e i bordi su cui è stata applicata la mano di fondo; aumentare a tale scopo la grana della carta abrasiva da 180 a 220 e fino a 240.

3

Verniciatura dei pannelli

3 - Verniciatura dei pannelli
Verniciatura dei pannelli Verniciatura dei pannelli

Quanto alle vernici, potrete trovarne in molte varianti ed in molte fasce di prezzo. Criteri decisivi per la scelta saranno la lavorabilità, la dotazione tecnica a disposizione in casa e le esigenze in termini di qualità e durata della superficie. Chiedete consiglio presso i rivenditori specializzati e provate la vernice su un pezzo di prova.

Una variante di qualità superiore è ad esempio la vernice poliuretanica, una lacca composta da due componenti che viene applicata con la pistola per verniciatura a spruzzo. A tale scopo miscelare lacca e indurente secondo le indicazioni del produttore e riempire la pistola a spruzzo con la miscela ottenuta.

Per le superfici interne abbiamo deciso di usare un colore diverso da quello usato per le superfici esterne. A tale proposito, è meglio verniciare dapprima le superfici interne:

posare il pannello su due legni squadrati, in modo tale che sia quasi «in sospeso». In questo modo sarà più facile verniciare i bordi.

Spruzzando su un pannello di prova, regolate il getto dello spruzzo sull’ugello e la quantità di colore con l’apposita rotellina. A seconda della direzione di spruzzatura, regolare il getto in senso orizzontale o verticale sulle superfici, e a forma di cono per gli spigoli.

Applicare la vernice con passate uniformi, parallele e sovrapposte di circa quattro centimetri. Posare i pezzi con cautela da parte, finché non saranno completamente asciutti.

Infine verniciare le superfici esterne e i bordi. Iniziare da questi ultimi. Per coprire completamente i bordi lasciando però la parte inferiore asciutta, occorre tenere la pistola con l’angolazione giusta. Per procedere con la massima sicurezza, potete anche proteggere con nastro adesivo la parte inferiore. In conclusione, impostare l’ugello della pistola per verniciatura a spruzzo e continuare senza pause a trattare la superficie esterna.

4

Congiunzione degli elementi del corpo

4 - Congiunzione degli elementi del corpo
Congiunzione degli elementi del corpo Congiunzione degli elementi del corpo Congiunzione degli elementi del corpo Congiunzione degli elementi del corpo

Avvitare ogni pannello superiore/inferiore e un lato con l’avvitatore a batteria e le viti a testa svasata 4 x 35 mm formando un angolo. Attenzione! È importante eseguire dei prefori da 3,5 mm attraverso i fori già eseguiti al punto 1 prima dell’avvitamento sul bordo del pezzo da avvitare. In caso contrario, sussiste il rischio che il pannello MDF si strappi.

Unire gli angolari per formare il corpo della struttura. Poi rovesciatelo con i bordi inferiori sopra la parete posteriore già verniciata e posizionata piatta sulla superficie di lavoro. Avvitare il corpo e la parete posteriore.

Suggerimento per avvitare due parti in legno

Eseguire sempre sul pezzo che dovrà essere avvitato per primo un preforo con un diametro da 0,5 a 1 mm più grande del diametro della vite; il foro dovrà essere svasato al fine di contenere la testa della vite. Nel pezzo da forare per secondo, eseguire sempre i fori con un diametro inferiore di 1 mm rispetto al diametro della vite. Così otterrete un buon invito per la filettatura.

5

Incollaggio dei feltrini

Per sollevare la superficie inferiore dal pavimento, occorre applicare feltrini in feltro o plastica, a seconda del rivestimento del pavimento – a distanza di qualche millimetro dagli spigoli del corpo.

6

Via!

6 - Via!
Via!


Prodotti consigliati

Levigatrice palmare - PSM 80 A Levigatrice palmare

PSM 80 A


Nota legale

Bosch non offre alcuna garanzia sulla completezza e l’esattezza dei manuali indicati. Bosch ricorda altresì che l’uso dei presenti manuali è a rischio e pericolo dell’utente. Attuare ogni misura preventiva di sicurezza.


 

Servizio di consulenza telefonica

Per domande inerenti i prodotti e le loro applicazioni.

:39 02 36 96 2314

Lunedì–Venerdì: 09:00- 12:00
14:00- 17:00


Contattaci

Ricerca rivenditori

 
 
 
IT
Ricorda
Annotato
Dove acquistare
Cancella filtro
Visualizza filtro
Nascondi filtro
La ringraziamo per la Sua valutazione
La ringraziamo per la Sua valutazione
Visualizza altri progetti
Nascondi altri progetti
Nascondi varianti articoli
Mostra varianti articoli
Chiudi consiglio pratico
Apri consiglio pratico
Leggi resoconto delle esperienze
Chiudi resoconto delle esperienze
Nascondi elenco dettagliato dei materiali
Mostra elenco dettagliato dei materiali
Elenco di raffronto
Prodotti
Prodotto
Visualizza altri consigli
Nascondi altri consigli