Recinto per la sabbia con parasole

 
Alto fattore di protezione
Recinto per la sabbia con parasole

Grazie al tettuccio parasole integrato, i tuoi bambini potranno giocare in tutta tranquillità nel loro recinto per la sabbia anche in piena Estate.

Esprima una Sua valutazione
Esprima una Sua valutazione
Esprima una Sua valutazione
Esprima una Sua valutazione
Esprima una Sua valutazione
0 Valutazioni
La ringraziamo per la Sua valutazione Questa funzione è utilizzabile esclusivamente se i cookie sono attivi.
0 Valutazioni

Grado di difficoltà

Costi

Tempo necessario

Un classico per il gioco dei bambini con un dettaglio in più: il nostro recinto per la sabbia è dotato di tettuccio che lo ripara dal sole, per una protezione ottimale dai raggi UV, che si può abbassare e piegare. Per proteggere la sabbia dagli agenti atmosferici, è anche eventualmente possibile chiudere completamente il tetto.

La struttura è composta da due parti: il recinto vero e proprio ed il tetto con due supporti. Il recinto è formato da un telaio le cui parti sono avvitate con giunto quadrato; il telaio del tetto è costituito da due frontoni uniti tra loro.

Le seguenti istruzioni di montaggio si riferiscono ad un pannello di legno di abete rosso incollato da 18 mm (larghezza del frontone) e da 27 mm di spessore. Qualora venissero utilizzati altri materiali o altri spessori, sarà necessario adeguare di conseguenza l’elenco dei particolari.

È necessario tenere presente che il legno di abete rosso – anche se verniciato o dopo aver applicato flatting – risulta meno resistente agli agenti atmosferici rispetto ad altri tipi di legno. Se volete andare veramente sul sicuro, meglio optare per il legno di tek o di robinia.

Recatevi in un centro per il bricolage o dal vostro falegname per far tagliare i pannelli necessari.

  • Easy
    Utensili Easy
    Facilità di utilizzo.
  • Universal
    Utensili Universal
    Grande versatilità.
  • Advanced
    Utensili Advanced
    Per chi vuole il meglio.

Elettroutensili necessari:

Accessori:

  • Set di punte per legno
  • Svasatore
  • Carta abrasiva, grane 120–240
  • Panno
  • Metro pieghevole, matita morbida, gomma, temperamatite

Materiali necessari:

  • Pannelli di legno incollati, in abete rosso
  • Elemento in legno squadrato, abete rosso
  • Telo antiradici oppure pellicola in plastica fissa
  • Materiale per le tende
  • Viti a testa svasata
  • Flatting

Mostra elenco dettagliato dei materiali

Pos.

Pz.

Denominazione

Lunghezza

Larghezza

Spessore

Materiale

0

2

Lati frontone

1.500 mm

200 mm

18 mm

Legno incollato, abete rosso

1

3

Giunto trasversale

1.464 mm

58 mm

38 mm

Elemento in legno squadrato, abete rosso

2

2

Supporti per tetto

1.450 mm

120 mm

27 mm

Legno incollato, abete rosso

3

2

Lati corti del telaio

1.446 mm

240 mm

27 mm

Legno incollato, abete rosso

4

2

Lati lunghi del telaio

1.500 mm

240 mm

27 mm

Legno incollato, abete rosso

5

4

Placca per avvitamento verticale

213 mm

45 mm

45 mm

Elemento in legno squadrato, abete rosso

6

4

Placche per avvitamento orizzontali

1.350 mm

45 mm

45 mm

Elemento in legno squadrato, abete rosso

7

4

Guida sedile

1.300 mm

200 mm

27 mm

Legno incollato, abete rosso

8

4

Giunti

170 mm

110 mm

27 mm

Legno incollato, abete rosso

9

1

Pellicola

1.600 mm

1.600 mm

0,4 mm

Telo antiradici oppure pellicola in plastica fissa

10

1

Materiale per le tende

ca. 1.700

circa 1500 m

11

ca. 68

Viti a testa svasata, 4 x 60 mm

12

ca. 32

Viti a testa svasata, 4 x 45 mm

13

8

Viti a testa svasata, 4 x 50 mm

1

Congiunzione dei lati del telaio con la placca di avvitamento

1 - Congiunzione dei lati del telaio con la placca di avvitamento
Congiunzione dei lati del telaio con la placca di avvitamento Congiunzione dei lati del telaio con la placca di avvitamento Congiunzione dei lati del telaio con la placca di avvitamento Congiunzione dei lati del telaio con la placca di avvitamento

Posizionare tutte le parti necessarie per allestire il telaio così come dovranno essere assemblate. I lati corti del telaio devono stare all’interno di quelli lunghi. A questo punto demarcare i pezzi con un triangolo in modo tale da evitare errori durante le successive fasi di lavoro.

Montare i lati del telaio corti e lunghi servendosi delle placche di avvitamento verticali con l’avvitatore a batteria e le viti 4 x 60 mm ad un telaio.

Suggerimento per avvitare due parti in legno

Eseguire sempre sul pezzo che dovrà essere avvitato per primo un preforo con un diametro da 0,5 a 1 mm più grande del diametro della vite; il foro dovrà essere svasato al fine di contenere la testa della vite. Nel pezzo da forare per secondo, eseguire sempre i fori con un diametro inferiore di 1 mm rispetto al diametro della vite. Procedere con il montaggio delle placche di avvitamento orizzontali tra quelle verticali e a filo del bordo superiore dei lati del telaio. Successivamente vi verranno avvitate le assi della seduta. Utilizzare un avvitatore a batteria e viti da 4 x 60 mm. A questo proposito tenere nuovamente presente il suggerimento relativo all’avvitamento di due componenti di legno. In questa occasione, eseguire anche i fori da 5 mm attraverso i pannelli orizzontali da avvitare, attraverso i quali successivamente verranno avvitati dal basso i pannelli della seduta.

2

Congiunzione degli assi della seduta con il telaio

2 - Congiunzione degli assi della seduta con il telaio
Congiunzione degli assi della seduta con il telaio Congiunzione degli assi della seduta con il telaio

Posare il telaio pronto sui cavalletti. Posizionare la prima tavola della seduta sul lato e la placca di avvitamento orizzontale come indicato nel disegno. Fissare con le morse. Utilizzare scarti di legno da spessore, per evitare le tracce di pressione sui pezzi in lavorazione.

A questo punto è possibile montare la tavola per la seduta servendosi dell’avvitatore a batteria e delle viti 4 x 60 mm attraverso i fori da 5 mm eseguiti in precedenza delle placche di avvitamento orizzontali. Procedere nello stesso modo con le altre tre tavole per la seduta. A questo proposito tenere nuovamente presente il suggerimento relativo all’avvitamento di due componenti di legno.

Per congiungere le tavole della seduta tra loro, assicurando al recinto la necessaria stabilità, avvitarle dal basso con i giunti. Preforarli negli angoli con il trapano e una punta da 5 mm.

Appoggiare il recinto con le tavole per la seduta rivolte verso il basso sui cavalletti, quindi montare i giunti come indicato nel disegno servendosi di un avvitatore a batteria e viti 4 x 45 mm negli angoli. A questo proposito tenere nuovamente presente il suggerimento relativo all’avvitamento di due componenti di legno.

3

Montaggio del telo antiradici o della pellicola

Per evitare che dalla sabbia crescano le piante, occorre fissare al recinto un telo antiradici o una pellicola in plastica fissa. Fissarla con una graffatrice sotto le placche di avvitamento orizzontali sui lati.

4

Congiunzione dei lati del frontone e degli elementi di collegamento trasversale con il tetto

Tracciare a matita il contorno del frontone sui pannelli dei lati del frontone. Le misure necessarie sono riportate sul nostro disegno. A questo punto tagliare i lati del frontone con il seghetto alternativo. I tagli lunghi dritti riescono meglio fissando un listello con una morsa come guida parallela per il seghetto alternativo.

Posizionare i lati del frontone e gli elementi di collegamento trasversale l’uno rispetto all’altro nello stesso modo in cui verranno montati. Segnare a matita con il simbolo del triangolo la loro posizione corrispondente, in modo tale da conoscere la corrispondenza dei diversi pezzi ancora prima di iniziare il lavoro.

Per il fissaggio ai supporti del tetto, eseguire un foro sui lati del frontone con un trapano e una punta per legno da 8 mm. La posizione è indicata nel nostro disegno.

Tracciare a matita sui lati del frontone i contorni dell’elemento di collegamento trasversale. Con il trapano e una punta da 5 mm eseguire almeno due fori, attraverso i quali verranno uniti i lati del frontone e gli elementi di collegamento trasversali con l’avvitatore a batteria e le viti 4 x 60 mm. A questo proposito tenere nuovamente presente il suggerimento relativo all’avvitamento di due componenti di legno.

5

Preparazione dei supporti per il tetto e congiunzione degli stessi con il recinto

5 - Preparazione dei supporti per il tetto e congiunzione degli stessi con il recinto
Preparazione dei supporti per il tetto e congiunzione degli stessi con il recinto Preparazione dei supporti per il tetto e congiunzione degli stessi con il recinto

Perché il tetto sia regolabile in altezza al fine di offrire una protezione ottimale dal sole, fresare sull’estremità superiore del supporto una fessura. Fissare il supporto con una morsa sulla superficie di lavoro (utilizzando gli spessori!).

Fresare con la fresatrice verticale, la guida parallela e la fresa per scanalature da 8 mm la fessura sul supporto del tetto secondo le misure indicate nel nostro disegno. Lavorare a più riprese, con una profondità di 4 mm circa alla volta, al fine di preservare la fresa.

Assemblare i supporti del tetto con l’avvitatore a batteria e le viti 4 x 50 mm al centro e in basso a filo con due lati del recinto. A questo proposito tenere nuovamente presente il suggerimento relativo all’avvitamento di due componenti di legno.

Per poter fissare il tetto anche come «coperchio» al fine di proteggere il recinto dalla sporcizia, abbiamo previsto nell’area inferiore del supporto del tetto ancora un foro per le viti da legno a testa tonda Vite da legno a testa tonda Tipo di vite prevalentemente impiegato nella carpenteria del legno (per l’esattezza: «vite a testa bombata larga»), che va innestata con due elementi da collegare ed avvitata con un controdado. La testa non ha un profilo per l’alloggiamento di un utensile: la giunzione, quindi, può venire allentata soltanto agendo lateralmente sul dado. Questa vite è quindi particolarmente adatta per l’applicazione di serrature di porte e guarnizioni metalliche per esterni. con dadi ad alette.

Per segnare questo foro, posizionare il telaio sulle tavole per la seduta del recinto. Disegnarne la posizione a matita sui lati interni del supporto del tetto ed eseguirlo con il trapano e una punta per legno da 8 mm.

6

Applicazione delle tende al tetto

6 - Applicazione delle tende al tetto
Applicazione delle tende al tetto

Stendere il materiale delle tende in senso longitudinale rispetto ai lati frontone sopra il telaio del tetto. Fissare il materiale con la graffatrice sugli elementi di collegamento trasversali esterni.

7

Levigatura delle superfici in legno

7 - Levigatura delle superfici in legno
Levigatura delle superfici in legno

Affinché la superficie sia chiusa e la migliore possibile, dovrebbe essere sottoposta al necessario trattamento prima del montaggio del recinto.

Levigare quindi tutti gli spigoli utilizzando carta abrasiva da 120 o 180 e lavorando con un angolo di 45°, in modo che si crei un piccolo smusso. Levigare le superfici a vista utilizzando la levigatrice sempre nella direzione delle venature del legno, dapprima con carta abrasiva a grana grossa (120, 180), quindi con carta abrasiva più fine (fino a 240).

Successivamente le superfici vengono bagnate con l’ausilio di una spugna e quindi lucidate a umido. Durante l’asciugatura si sollevano le fibre del legno staccatesi nelle fasi precedenti, che provvederete quindi ad eliminare delicatamente con la carta abrasiva da 180. A questo punto il legno è pronto per il trattamento delle superfici. Piccolo suggerimento: accertarsi che la carta abrasiva non sia troppo consumata e che le fibre del legno vengano effettivamente rimosse e non solo schiacciate.

8

Trattamento protettivo delle superfici

8 - Trattamento protettivo delle superfici
Trattamento protettivo delle superfici

Leggere innanzitutto con attenzione i suggerimenti del produttore relativi alla lavorazione e alla sicurezza. Lavorare in un locale ben aerato ed evitare di fumare, mangiare e bere nel locale stesso.

Applicare il flatting su tutta la superficie con una pistola a spruzzo, eliminando la vernice trasparente in eccesso con un panno. Rispettare i tempi di asciugatura indicati dal produttore.

Prima di stendere la seconda mano di vernice, è necessaria una levigatura intermedia con carta abrasiva da 240. Anche in questa occasione eseguire sempre la levigatura nella direzione delle venature del legno. Ripetere quindi l’applicazione come descritto nel paragrafo precedente.

9

Via!

9 - Via!
Via!



Nota legale

Bosch non offre alcuna garanzia sulla completezza e l’esattezza dei manuali indicati. Bosch ricorda altresì che l’uso dei presenti manuali è a rischio e pericolo dell’utente. Attuare ogni misura preventiva di sicurezza.


 

Servizio di consulenza telefonica

Per domande inerenti i prodotti e le loro applicazioni.

:39 02 36 96 2314

Lunedì–Venerdì: 09:00- 12:00
14:00- 17:00


Contattaci

Ricerca rivenditori

 
 
 
IT
Ricorda
Annotato
Dove acquistare
Cancella filtro
Visualizza filtro
Nascondi filtro
La ringraziamo per la Sua valutazione
La ringraziamo per la Sua valutazione
Visualizza altri progetti
Nascondi altri progetti
Nascondi varianti articoli
Mostra varianti articoli
Chiudi consiglio pratico
Apri consiglio pratico
Leggi resoconto delle esperienze
Chiudi resoconto delle esperienze
Nascondi elenco dettagliato dei materiali
Mostra elenco dettagliato dei materiali
Elenco di raffronto
Prodotti
Prodotto
Visualizza altri consigli
Nascondi altri consigli