La credenza come separé

 
Un rivestimento di cioccolato
La credenza come separé

Ogni cosa, si sa, ha due facce. Tuttavia, in questo separé, una è più bella dell’altra. E quindi... al lavoro!

Esprima una Sua valutazione
Esprima una Sua valutazione
Esprima una Sua valutazione
Esprima una Sua valutazione
Esprima una Sua valutazione
0 Valutazioni
La ringraziamo per la Sua valutazione Questa funzione è utilizzabile esclusivamente se i cookie sono attivi.
0 Valutazioni

Grado di difficoltà

Costi

Tempo necessario

Qual è quell’oggetto di legno massiccio rivestito di cioccolato? Esatto: il nostro separé! Potete montarlo come scaffale aperto su entrambi i lati, come scaffale con parete posteriore o come credenza con parete posteriore e ante. Comunque lo vogliate, questo mobile farà la sua bella figura in qualsiasi ambiente.

La costruzione consiste sostanzialmente nei fondi avvitati tra gli elementi laterali. Il tutto è retto da uno zoccolo avvitato su un giunto.

Le seguenti istruzioni di montaggio sono concepite per pannelli di legno incollati di faggio dello spessore di 20 mm. Qualora venissero utilizzati altri materiali o altri spessori, sarà necessario adeguare di conseguenza l’elenco dei particolari.

Recatevi in un centro per il bricolage o dal vostro falegname per far tagliare i pannelli necessari.

  • Easy
    Utensili Easy
    Facilità di utilizzo.
  • Universal
    Utensili Universal
    Grande versatilità.
  • Advanced
    Utensili Advanced
    Per chi vuole il meglio.

Elettroutensili necessari:

Accessori:

  • Set di punte per legno
  • Punte Forstner da 35 e 28 mm
  • Svasatore
  • Carta abrasiva, grane 120–240, spugna
  • Nastro adesivo
  • Metro pieghevole, matita morbida, gomma, temperamatite
  • Morsetti a vite
  • Cera per legno, panno in stoffa

Materiali necessari:

  • Pannello in legno incollato, faggio
  • Elemento in legno squadrato, abete rosso
  • Supporto del fondo
  • Staffa angolare
  • Anelli di serraggio, piastre di base, pomelli per mobili
  • Viti a testa svasata
  • Cera per legno

Mostra elenco dettagliato dei materiali

Pos.

Pz.

Denominazione

Lunghezza

Larghezza

Spessore

Materiale

0

1

Corpo – Lati esterni

720 mm

300 mm

20 mm

Legno di faggio incollato

1

2

Corpo – Lati centrali inferiori

460 mm

300 mm

20 mm

Legno di faggio incollato

2

2

Corpo – lati inferiori parte alta

200 mm

300 mm

20 mm

Legno di faggio incollato

3

3

Corpo – Fondo lungo

1.390 mm

300 mm

20 mm

Legno di faggio incollato

4

3

Corpo – Fondo dei vani

450 mm

280 mm

20 mm

Legno di faggio incollato

5

1

Corpo – Pannello di copertura

1.440 mm

350 mm

20 mm

Legno di faggio incollato

6

12

Corpo – Supporto del fondo

5 mm

7

4

Corpo – Angolare

8

ca. 36

Corpo – viti a testa svasata, 4 x 50 mm

9

ca. 36

Corpo – viti a testa svasata, 3 x 17 mm

10

ca. 12

Corpo – viti a testa svasata, 4 x 35 mm

11

1

Parete posteriore

1.430 mm

720 mm

20 mm

Legno di faggio incollato

12

4

Parete posteriore – Angolare

13

ca. 32

Parete posteriore – viti a testa svasata, 3 x 17 mm

14

2

Porte

490 mm

464 mm

20 mm

Legno di faggio incollato

15

4

Ante – Anelli di serraggio come battuta centrale

7 mm

16

4

Ante – Piastra di base

17

2

Ante – Pomelli per mobili

52 mm

18

ca. 16

Porte – viti a testa svasata, 5 x 16 mm

19

2

Zoccolo – Pannello lungo

1.420 mm

100 mm

20 mm

Legno di faggio incollato

20

3

Zoccolo – Pannello corto

250 mm

100 mm

20 mm

Legno di faggio incollato

21

3

Zoccolo – Listelli di congiunzione

150 mm

27 mm

27 mm

Legno di faggio incollato

22

6

Zoccolo – Listelli avvitati

100 mm

45 mm

45 mm

Elemento in legno squadrato, abete rosso

23

ca. 24

Zoccolo – viti a testa svasata, 4 x 60 mm

24

ca. 12

Zoccolo – viti a testa svasata, 4 x 40 mm

1

Serie di fori sui lati

1 - Serie di fori sui lati
Serie di fori sui lati

Eseguite due file di fori con diametro 5 mm nella superficie interna del lato esterno sinistra, su tutte le superfici dei lati inferiori centrali e sulle superfici interne del lato esterno destro.

Successivamente segnare a matita una linea ad una distanza di 37 mm dal bordo anteriore e posteriore, dove dovranno essere posizionati i centri dei fori. Eseguire un segno ogni 32 mm (distanza da centro a centro). Il primo foro dovrà essere eseguito ad una distanza di ca. 70 mm dal bordo inferiore.

Posizionare la punta di centraggio della punta per legno in modo preciso sul punto di taglio della crocetta di demarcazione. Ogni foro dovrà avere una profondità di soli 10 mm, non dovranno essere passanti. Pertanto, utilizzare un arresto di profondità, ovvero una anello di arresto con perno filettato per il fissaggio diretto sulla punta; con questo utensile è possibile impostare la profondità di foratura.

Suggerimento: serie di fori da 32

Quando si costruiscono frequentemente mobili conviene acquistare una dima da 32 (il nome è dato dalla distanza tra i fori conforme alla norma). La dima si fissa sul pezzo in lavorazione, dopo di che sarà sufficiente forare attraverso la placca di metallo. In questo modo si otterranno fori perfettamente in linea e a intervalli precisi.

2

Congiunzione dei vani superiori

2 - Congiunzione dei vani superiori
Congiunzione dei vani superiori Congiunzione dei vani superiori

Posare uno accanto all’altro i lati esterni e i lati centrali superiore e inferiore ciascuno con il bordo a vista rivolto verso il basso, così come dovranno poi essere disposti in fase di assemblaggio. Contrassegnare a questo punto i bordi posteriori con una matita, in modo da sapere sempre, durante le successive fasi di lavoro, dove va montato ciascun pezzo. I falegnami disegnano in questo caso un simbolo a triangolo.

Contrassegnare i fondi nello stesso modo.

Sistemare i due fondi superiori continui e i due lati centrali superiori sui bordi posteriori nella posizione in cui si desidera avvitarli. La misura precisa delle distanze è indicata sul nostro disegno. Fissare i pezzi con prudenza tramite morsa perché non si spostino. Utilizzare scarti di legno da spessore, per evitare le tracce di pressione sui pezzi in lavorazione.

A questo punto è possibile segnare a matita la posizione dei lati centrali sul fondo. Al centro dei contorni dei lati centrali sul fondo posizionare due fori da 4 mm in modo tale che i più esterni siano almeno a 30 mm di distanza dai bordi esterni. Svasare i lati esterni dei fori sul fondo. (Eseguire nello stesso modo i fori per avvitare il pannello di copertura e svasarli dal basso.)

Assemblare i lati centrali e i fondi con l’avvitatore a batteria e viti a testa svasata 4 x 50 mm.

Suggerimento per avvitare due parti in legno

Eseguire sempre sul pezzo che dovrà essere avvitato per primo un preforo con un diametro da 0,5 a 1 mm più grande del diametro della vite; il foro dovrà essere svasato al fine di contenere la testa della vite. Nel pezzo da forare per secondo, eseguire sempre i fori con un diametro inferiore di 1 mm rispetto al diametro della vite.

3

Congiunzione della parte posteriore del corpo con i lati esterni

3 - Congiunzione della parte posteriore del corpo con i lati esterni
Congiunzione della parte posteriore del corpo con i lati esterni

Appoggiare la parte superiore già montata sul bordo posteriore. A questo punto disporvi sopra i lati esterni e il fondo lungo inferiore in modo tale che il corpo sia rivolto verso di voi, così come dovrà essere montato. Riportare nuovamente i contorni del fondo con la matita sulle superfici interne dei lati esterni.

Eseguire due fori da 4 mm al centro, sulla demarcazione dei contorni. Svasare i fori dall’esterno; procedere con particolare cautela, in quanto questi avvitamenti saranno visibili dall’esterno.

Quindi assemblare gli elementi del corpo con l’avvitatore a batteria e le viti a testa svasata 4 x 50 mm. Anche in questo caso, tenere presente durante questa operazione i nostri suggerimenti del paragrafo precedente relativi all’avvitamento di due componenti in legno.

4

Montaggio delle parti interne del corpo

4 - Montaggio delle parti interne del corpo
Montaggio delle parti interne del corpo Montaggio delle parti interne del corpo

Demarcare nuovamente a matita, come nelle precedenti fasi di lavoro, dapprima la posizione dei lati centrali inferiori sul fondo. Questa volta però forare soltanto il fondo inferiore eseguendo due fori da 4 mm per ciascuna parte centrale al centro sotto il contorno. Svasare i fori dal basso. In questo modo il corpo rimane sui bordi posteriori.

Mentre si fora come di consueto i lati centrali con il fondo inferiore dal basso, al di sopra aiutarsi con angolari. Montarne uno sopra a filo anteriormente sull’altro e posteriormente sull’altro lato.

A questo punto posizionare i lati centrali pronti per l’avvitamento tra i fondi. Con un avvitatore a batteria e viti a testa svasata 4 x 50 mm montare attraverso il fondo inferiore (seguire le istruzioni nel consiglio per l’avvitamento di due pezzi di legno nella seconda fase di lavoro!) e viti 3 x 17 mm con un angolare.

5

Congiunzione delle parti dello zoccolo e montaggio dello zoccolo

5 - Congiunzione delle parti dello zoccolo e montaggio dello zoccolo
Congiunzione delle parti dello zoccolo e montaggio dello zoccolo Congiunzione delle parti dello zoccolo e montaggio dello zoccolo Congiunzione delle parti dello zoccolo e montaggio dello zoccolo

Posizionare su una superficie il pannello lungo e corto dello zoccolo nella stessa disposizione con cui verranno montati. Contrassegnare a questo punto i bordi con una matita, in modo da sapere sempre, durante le successive fasi di lavoro, dove va montato ciascun pezzo. I falegnami disegnano in questo caso un simbolo a triangolo.

A questo punto, preforare i cinque pannelli dello zoccolo e le placche di avvitamento. Dato che i pannelli vengono avvitati sopra la crocetta con le placchette di avvitamento verticali negli angoli, spostare di conseguenza i fori corrispondenti nelle placchette di avvitamento. Montare le parti dello zoccolo come illustrato nel disegno con l’avvitatore a batteria e viti 4 x 60 mm.

Successivamente, preforare i giunti con le quali si congiunge il corpo con lo zoccolo. Assemblare i giunti servendosi dell’avvitatore a batteria e le viti 4 x 60 mm orizzontalmente e a filo rispetto ai bordi superiori sul pannello corto dello zoccolo.

Posizionare il corpo sulla testa e orientare lo zoccolo sul suo lato inferiore. A questo punto è possibile assemblarlo con giunti servendosi dell’avvitatore a batteria e delle viti 4 x 40 mm sotto il corpo.

6

Montaggio del pannello di copertura sul corpo

Nella seconda fase di lavoro è già stato forato il fondo superiore per l’avvitamento con il pannello di copertura, quindi a questo punto è possibile montarli. Per accedere dal basso nel vano di soli 200 mm di altezza è possibile utilizzare l’avvitatore a batteria IXO Bosch, sufficientemente compatto.

Per prima cosa allineare il pannello di copertura sul corpo: a sinistra ed a destra deve sporgere di 5 mm, davanti e dietro 20 mm. Questa maggiore sporgenza serve per la parete posteriore e per le porte, che all’occorrenza potranno essere montate.

7

Costruzione e montaggio della parete posteriore

7 - Costruzione e montaggio della parete posteriore
Costruzione e montaggio della parete posteriore

La parete posteriore si può congiungere alla credenza senza alcun segno e con molto lavoro tramite tasselli e colla, in alternativa, un metodo molto più semplice: con l’impiego di giunti angolari e viti. Ecco qui il metodo più semplice.

Avvitare due angolari con l’avvitatore a batteria e le viti 3 x 17 mm a filo con il bordo posteriore sulle superfici interne dei lati esterni del corpo oppure, come illustrato, posteriormente a filo a sinistra e a destra sulle superfici interne dei fondi del corpo.

Posare il corpo sul lato. Orientare la parete posteriore sul bordo laterale nello stesso modo in cui dovrà essere montata. Fissarla qui con una morsa e assemblarla dall’interno con l’avvitatore a batteria e le viti 3 x 17 mm attraverso l’angolare.

8

Montaggio delle cerniere alle ante e fissaggio delle stesse

8 - Montaggio delle cerniere alle ante e fissaggio delle stesse
Montaggio delle cerniere alle ante e fissaggio delle stesse Montaggio delle cerniere alle ante e fissaggio delle stesse

Posare le ante sulla superficie di lavoro nello stesso modo in cui dovranno essere posizionate nel mobile. Contrassegnare l’anta destra e sinistra, la parte superiore e la parte inferiore, in modo da evitare errori nelle successive fasi di lavoro.

Sul retro delle ante contrassegnare a matita le linee degli assi per posizionare le cerniere. Le linee degli assi devono essere esattamente in mezzo ai due fori della fila di fori. Posare il corpo sul lato esterno e posizionare l’anta adatta come se fosse aperta di 90°. A questo punto è possibile trasferire comodamente le linee degli assi sull’anta. Trasferire le linee degli assi dalla prima alla seconda anta servendosi di un righello o di un angolare. Per le nostre ante è anche necessaria una cerniera per la battuta centrale, anche detta bandella a gomito.

La distanza dei fori per anelli di serraggio rispetto al bordo è rispettivamente di 35 + 5 mm, quindi 40 mm. Contrassegnare i quattro punti centrali dei fori sulle linee a matita e/o sulle linee dell’asse. Eseguire i fori per le cerniere con la punta Forstner da 35 mm (punta per legno con diametro superiore ai 12 mm).

Impostare l’arresto di profondità sulla punta in base alle esigenze e con la punta di centraggio della punta Forstner centrare perfettamente il centro del foro da eseguire segnato a matita.

Avvertenza per la successione delle operazioni

Per ottenere un trattamento superficiale perfetto, è opportuno montare le cerniere solo successivamente. Per offrire un quadro completo, descriveremo comunque la procedura in questa fase di lavoro. Premere la cerniera nei fori e montarla con l’avvitatore a batteria e con le viti in dotazione. I contropezzi degli anelli di serraggio sulle ante sono la piastra di base sul corpo. Montarli come segue. Premere le cerniere nei due fori, la serie di fori da cui sono state precedentemente tracciate le linee degli assi. Come ausilio per fissare le ante, posare il corpo su un lato esterno. Posizionare l’anta corrispondente come se fosse aperta di 90°. A questo punto, l’anta con due distanziali da 5 mm in senso parallelo rispetto al lato. Inserire i bracci degli anelli nella piastra di base e fissarli saldamente. Per un risultato migliore, preforare le ante per eseguire i fori destinati ai pomelli. Fissarle con le viti in dotazione.

9

Levigatura delle superfici in legno

9 - Levigatura delle superfici in legno
Levigatura delle superfici in legno

Per ottenere un risultato di levigatura ottimale, questa fase andrebbe effettuata prima del montaggio del mobile.

Levigare quindi tutti gli spigoli utilizzando carta abrasiva da 120 o 180 e lavorando con un angolo di 45°, in modo che si crei un piccolo smusso. Levigare le superfici a vista utilizzando la levigatrice sempre nella direzione delle venature del legno, dapprima con carta abrasiva a grana grossa (120, 180), quindi con carta abrasiva più fine (fino a 240).

Successivamente le superfici vengono bagnate con l’ausilio di una spugna e quindi lucidate a umido. Durante l’asciugatura si sollevano le fibre del legno staccatesi nelle fasi precedenti, che provvederete quindi ad eliminare delicatamente con la carta abrasiva da 180. A questo punto il legno è pronto per il trattamento delle superfici. Piccolo suggerimento: accertarsi che la carta abrasiva non sia troppo consumata e che le fibre del legno vengano effettivamente rimosse e non solo schiacciate.

10

Applicazione della cera sulle superfici

10 - Applicazione della cera sulle superfici
Applicazione della cera sulle superfici

Leggere innanzitutto con attenzione i suggerimenti del produttore della cera relativi alla lavorazione e alla sicurezza. Lavorare in un locale ben aerato ed evitare di fumare, mangiare e bere nel locale stesso.

Applicare la cera per legno su tutta la superficie con una pistola a spruzzo ed eliminare il prodotto in eccesso con un panno. Rispettare i tempi di asciugatura indicati dal produttore della cera.

Qualora s’intenda applicare un secondo strato di cera, sarà necessario eseguire una levigatura intermedia usando carta abrasiva con grana da 240. Anche in questa occasione eseguire sempre la levigatura nella direzione delle venature del legno. Ripetere quindi l’applicazione come descritto nel paragrafo precedente. Quando la cera è asciutta, lavorare la superficie con una spazzola morbida finché non risulta brillante.

Avvertenza per la sicurezza

Dopo l’applicazione, lasciare asciugare il panno utilizzato per la cera disteso e ben aerato. In caso contrario, se rimanesse appallottolato, durante l’asciugatura potrebbe surriscaldarsi fino all’autocombustione!

11

Via!

11 - Via!
Via!



Nota legale

Bosch non offre alcuna garanzia sulla completezza e l’esattezza dei manuali indicati. Bosch ricorda altresì che l’uso dei presenti manuali è a rischio e pericolo dell’utente. Attuare ogni misura preventiva di sicurezza.


 

Servizio di consulenza telefonica

Per domande inerenti i prodotti e le loro applicazioni.

:39 02 36 96 2314

Lunedì–Venerdì: 09:00- 12:00
14:00- 17:00


Contattaci

Ricerca rivenditori

 
 
 
IT
Ricorda
Annotato
Dove acquistare
Cancella filtro
Visualizza filtro
Nascondi filtro
La ringraziamo per la Sua valutazione
La ringraziamo per la Sua valutazione
Visualizza altri progetti
Nascondi altri progetti
Nascondi varianti articoli
Mostra varianti articoli
Chiudi consiglio pratico
Apri consiglio pratico
Leggi resoconto delle esperienze
Chiudi resoconto delle esperienze
Nascondi elenco dettagliato dei materiali
Mostra elenco dettagliato dei materiali
Elenco di raffronto
Prodotti
Prodotto
Visualizza altri consigli
Nascondi altri consigli