Una lampada che crea l’atmosfera

 
Atmosfera e relax
Una lampada che crea l’atmosfera

La luce è importante e dà quel tocco in più ad un ambiente. Questa elegante lampada a luce soffusa è perfetta per creare un’atmosfera piacevole e rilassante.

Esprima una Sua valutazione
Esprima una Sua valutazione
Esprima una Sua valutazione
Esprima una Sua valutazione
Esprima una Sua valutazione
0 Valutazioni
La ringraziamo per la Sua valutazione Questa funzione è utilizzabile esclusivamente se i cookie sono attivi.
0 Valutazioni

Grado di difficoltà

Costi

Tempo necessario

Questa elegante lampada a luce soffusa è perfetta per creare un’atmosfera rilassante. Per aumentare, applicarne più di una sulla parete. Un tubo fluorescente genera, con bassa corrente e ridotto sviluppo di calore, una piacevole luce indiretta attraverso il vetro opaco, tra le due schermature con tinteggiatura di pregio.

Fatevi tagliare i pannelli a misura dal rivenditore o da un falegname.

Le seguenti istruzioni di montaggio sono concepite per pannelli di legno incollato in faggio (fronte) e pannelli in fibra di densità media (MDF; supporto) dello spessore di 19 mm. Qualora venissero utilizzati altri materiali o altri spessori, sarà sufficiente adeguare di conseguenza l’elenco dei particolari.

La lampada è composta da due parti: da un supporto in MDF a forma di U larga con parete posteriore lunga e due lati corti, e da una schermatura anteriore composta da due angolati in legno incollato di faggio congiunti con un vetro acrilico bianco opaco. Ogni angolare è composto da pannello superiore/inferiore dotato di fori di aerazione e un pannello frontale.

Affinché nei pannelli frontali color noce non si vedano i fori per le viti, abbiamo incollato l’angolare composto da pannello e pannello superiore e inferiore con tasselli per legno.

Il tubo fluorescente è appoggiato sul pannello di fondo, coperto dal il pannello frontale inferiore. La luce viene riflessa in modo uniforme dalla parete posteriore contro il plexiglas bianco opaco. L’alimentazione di corrente è garantita da una presa a muro posizionata dietro la parete posteriore, alla quale arriva il cavo attraverso un’apertura dietro la lampada.

  • Easy
    Utensili Easy
    Facilità di utilizzo.
  • Universal
    Utensili Universal
    Grande versatilità.
  • Advanced
    Utensili Advanced
    Per chi vuole il meglio.

Elettroutensili necessari:

Accessori:

  • Set di punte per legno
  • Punta Forstner da 20 mm
  • Svasatore
  • Sega a tazza da 68 mm
  • Punta per acciaio da 4,5 mm
  • Carta abrasiva grane 240, 180 e 150, spugna
  • Colla da legno
  • Metro pieghevole, matita morbida, gomma, temperamatite
  • 5 morsetti a vite
  • Foglio di copertura oppure vecchi giornali
  • Elementi in legno squadrati di appoggio da 1200 x 30 x 40 mm oppure cavalletti
  • Mascherina, occhiali protettivi e guanti

Materiali necessari:

  • Pannello in legno incollato, faggio
  • Pannello in fibra di densità media (MDF)
  • Plexiglas
  • Tasselli in legno, viti, rondelle
  • Tubo fluorescente con montatura
  • Mordente e vernice

Mostra elenco dettagliato dei materiali

Pos.

Pz.

Denominazione

Lunghezza

Larghezza

Spessore

Materiale

0

1

Parete posteriore

1.200 mm

262 mm

19 mm

Pannello in fibra di densità media (MDF)

1

2

Lati parete posteriore

262 mm

38 mm

19 mm

Pannello in fibra di densità media (MDF)

2

2

Anteriore

1.200 mm

100 mm

19 mm

Legno di faggio incollato

3

2

Pannello superiore e di fondo

1.200 mm

61 mm

19 mm

Legno di faggio incollato

4

1

Plexiglas

1.200 mm

262 mm

44 mm

5

ca. 10

Tasselli in legno, diametro 8 mm

6

ca. 10

Viti a testa bombata, 4 x 17 mm, con rondelle

7

ca. 50

Viti a testa svasata, 4 x 35 mm

8

2

Viti con tasselli per fissaggio a parete

9

1

Tubo fluorescente con montatura, circa 900–1.000 mm

1

Etichettatura dei componenti

1 - Etichettatura dei componenti
Etichettatura dei componenti

Dato che i pannelli vengono lavorati singolarmente e uno dopo l’altro, occorre contrassegnarli in modo chiaro con scritte. In questo modo si evitano errori di assemblaggio dopo la verniciatura, la tinteggiatura e la preforatura.

2

Preforatura della parete posteriore

2 - Preforatura della parete posteriore
Preforatura della parete posteriore

Contrassegnare dapprima le posizioni di foratura sul lato a vista della parete posteriore.

A tale scopo, appoggiare i lati sulla parete posteriore nella stessa posizione in cui dovranno essere avvitati. Contrassegnare i bordi dei lati sulla parte interna della parete posteriore.

Ora contrassegnare le posizioni dei due fori posizionati a metà dello spessore del pannello (= 9,5 mm) dai bordi esterni e a circa 30–40 mm dai lati longitudinali. Eseguire i prefori con una punta per legno da 4,5 mm e svasarli sulla parte posteriore ad una profondità tale da nascondere le teste delle viti.

3

Avvitamento della parete posteriore e degli elementi laterali

3 - Avvitamento della parete posteriore e degli elementi laterali
Avvitamento della parete posteriore e degli elementi laterali

Bloccare i lati sulla parete posteriore nella posizione esatta, con due morsetti a vite ciascuno. Per evitare gli strappi sull’MDF durante l’avvitamento, eseguire i prefori per le viti anche sui lati. Eseguire attraverso i fori della parete posteriore le forature sui bordi dei lati, con una punta per legno da 3,5 mm. A questo punto la parete posteriore e i lati possono essere congiunti con la struttura di base utilizzando l’avvitatore a batteria e viti per legno da 4 x 35 mm.

Suggerimento per avvitare due parti in legno

Eseguire sempre sul pezzo che dovrà essere avvitato per primo un preforo con un diametro da 0,5 a 1 mm più grande del diametro della vite; il foro dovrà essere svasato al fine di contenere la testa della vite. Nel pezzo da forare per secondo, eseguire sempre i fori con un diametro inferiore di 1 mm rispetto al diametro della vite. Così otterrete un buon invito per la filettatura.

4

Esecuzione dei fori per tasselli

4 - Esecuzione dei fori per tasselli
Esecuzione dei fori per tasselli

Per i 1200 mm di lunghezza della nostra lampada occorrono quattro o cinque fori per tasselli. Per la giunzione angolare raccomandiamo l’uso di una dima per tasselli o punzoni di marcatura. Per evitare che, segnando la posizione dei fori per i tasselli solo con una semplice misurazione, i fori non siano esattamente sovrapposti e risultino così poco precisi!

Eseguire con il trapano e una punta per legno da 8 mm cinque fori per tasselli sui bordi anteriori del pannello superiore e inferiore, riportandone le posizioni con le dime per tasselli sul retro dei pannelli anteriori. La dima per tasselli consiste in un perno metallico dotato di punta per la marcatura. Introdurre la dima per tasselli nei fori della parte frontale di cui si desidera contrassegnare la posizione. Per fare ciò, premere il pezzo preforato in modo che i suoi bordi risultino esattamente a filo con la superficie della sua controparte.

5

Esecuzione dei fori di aerazione

5 - Esecuzione dei fori di aerazione
Esecuzione dei fori di aerazione

Anche i tubi fluorescenti generano calore. Per questo motivo, è necessario eseguire sia sul pannello superiore che su quello inferiore cinque fori con diametro da 20 mm. Contrassegnare le posizioni dei fori centralmente sui pannelli. A tale scopo, bloccare i pannelli con un pezzo di legno di scarto o su elementi in legno squadrati, al fine di non danneggiare la superficie di lavoro nel caso in cui la punta Forstner fuoriesca da sotto.

6

Incollaggio dell’angolare della schermatura anteriore

6 - Incollaggio dell’angolare della schermatura anteriore
Incollaggio dell’angolare della schermatura anteriore Incollaggio dell’angolare della schermatura anteriore

Applicare la colla nei fori per tasselli sulle superfici da incollare del pannello superiore e inferiore e inserire i tasselli in legno. Dopo aver applicato un poco di colla nei fori della schermatura anteriore, assemblare i due pezzi ad angolo. Pressare le giunzioni per mezzo dei morsetti finché la colla non è completamente asciutta. Attenersi alle istruzioni del produttore.

Quando vengono compressi gli elementi, utilizzare dei pezzi di legno di recupero come spessori, per distribuire la pressione ed evitare che sulle parti in lavorazione restino spiacevoli tracce derivanti da questa operazione. Rimuovere sempre subito l’eventuale fuoriuscita di colla con un panno umido.

7

Esecuzione del foro per il cavo e dei fori per il fissaggio a parete

7 - Esecuzione del foro per il cavo e dei fori per il fissaggio a parete
Esecuzione del foro per il cavo e dei fori per il fissaggio a parete Esecuzione del foro per il cavo e dei fori per il fissaggio a parete
Il diametro standard per un foro da presa elettrica è pari a 68 mm. Poiché nella nostra realizzazione partiamo dal presupposto che la lampada si trovi direttamente su una presa a muro, utilizzando un trapano e una sega a tazza abbiamo praticato un’apertura di opportune dimensioni nella parete posteriore.

Occorre anche eseguire due fori per il fissaggio a parete nella parte superiore della parete posteriore. A tale scopo, servirsi di una punta per legno da 6 mm e svasare i fori.

Bloccare la parete posteriore per la foratura su due elementi in legno squadrati o su un piano d’appoggio, in modo da evitare di danneggiare la superficie di lavoro quando la sega a tazza o la punta per legno fuoriescono da sotto.

8

Levigatura delle superfici in legno

8 - Levigatura delle superfici in legno
Levigatura delle superfici in legno

Levigare dapprima gli spigoli anteriori delle schermature anteriori utilizzando carta abrasiva da 150 o 180 lavorando con un angolo di 45°, in modo che si crei un piccolo smusso. Levigare le superfici a vista utilizzando la levigatrice sempre nella direzione delle venature del legno, dapprima con carta abrasiva a grana grossa (150, 180), quindi con carta abrasiva più fine (fino a 240).

Successivamente le superfici vengono bagnate con l’ausilio di una spugna e quindi lucidate a umido. Durante l’asciugatura si sollevano le fibre del legno staccatesi nelle fasi precedenti, che provvederete quindi ad eliminare delicatamente con la carta abrasiva da 180. A questo punto il legno è pronto per il trattamento delle superfici. Suggerimento: accertarsi che la carta abrasiva non sia troppo consumata e che le fibre del legno vengano effettivamente troncate e non solo schiacciate.

9

Tinteggiatura della superficie

9 - Tinteggiatura della superficie
Tinteggiatura della superficie

Con il termine «mordente» si indica un prodotto per la colorazione del legno. Il mordente può essere applicato con una pistola a spruzzo, ma anche dopo la sua applicazione il legno non ha ancora alcuna protezione; questa la si ottiene solamente dopo l’applicazione della cera o della vernice.

Leggere innanzitutto con attenzione i suggerimenti del produttore relativi alla lavorazione e alla sicurezza. Lavorare in un locale ben aerato ed evitare di fumare, mangiare e bere nel locale stesso.

Per la tinteggiatura con la pistola a spruzzo, coprire accuratamente la superficie di lavoro con pellicola o con vecchi giornali. Raccomandiamo di lavorare con mascherina, occhiali protettivi e guanti, in un ambiente ben aerato e di provare la tinteggiatura su un pezzo di prova. Posare l’angolare da lavorare su due elementi in legno squadrati o su cavalletti, in modo che sia quasi «sospeso».

Spruzzare il mordente in modo uniforme, parallelo ed eseguendo passate sovrapposte di circa quattro centimetri di larghezza finché il lato a vista dell’angolare sia coperto in modo uniforme. A tale scopo occorre modificare leggermente la posizione dell’angolare durante la tinteggiatura, perché anche gli spigoli ricevano una quantità sufficiente di colore. Posare i pezzi con cautela da parte, finché non saranno completamente asciutti.

Anche in questo caso è possibile che – come già visto nella fase precedente, bagnando le superfici – si sollevino ancora le fibre del legno: non appena la superficie sarà asciutta, queste fibre dovranno essere eliminate delicatamente passando la carta abrasiva da 220 o 240 nella direzione delle venature.

Suggerimento per la tinteggiatura

Lavorare su superfici verticali, procedendo sempre dal basso verso l’alto. In caso contrario, poiché il mordente è fluido e la superficie del legno assorbe fortemente, il mordente stesso potrebbe colare verso il basso, lasciando segni in rilievo non più livellabili.

10

Verniciatura dell’angolare anteriore

Quanto alle vernici, potrete trovarne in molte varianti ed in molte fasce di prezzo. Fattori determinanti per la scelta sono la lavorabilità, l’attrezzatura tecnica a vostra disposizione e le esigenze di qualità e di resistenza della superficie. Chiedete consiglio ad un rivenditore specializzato. Anche durante la verniciatura occorre coprire la superficie con cura e lavorare con mascherina, occhiali e guanti.

Gli angolari anteriori tinteggiati in color noce vengono trattati con vernice poliuretanica di alta qualità, composta da due componenti, applicata con la pistola per verniciatura a spruzzo. A tale scopo miscelare vernice trasparente ed indurente secondo le indicazioni del produttore e riempire la pistola a spruzzo con la miscela ottenuta. Regolare il getto di spruzzo sull’ugello e la quantità di vernice con la rotellina di regolazione spruzzando su un pannello di prova. A seconda della direzione di spruzzatura, regolare il getto in senso orizzontale o verticale sulle superfici, e a forma di cono per gli spigoli.

Applicare a questo punto un primo strato leggero di vernice leggero. Iniziare dai bordi (sollevando leggermente l’angolare). Successivamente, verniciare le superfici con passate uniformi e parallele.

Dopo una levigatura intermedia con carta abrasiva da 240, per la seconda mano usare la stessa vernice trasparente già usata per il fondo. Questa volta è possibile applicare la vernice in quantità maggiore. Iniziare nuovamente con i bordi per dedicarsi quindi alle superfici, procedendo con passate uniformi e parallele.

11

Avvitamento del plexiglas con angolari anteriori alla schermatura anteriore

11 - Avvitamento del plexiglas con angolari anteriori alla schermatura anteriore
Avvitamento del plexiglas con angolari anteriori alla schermatura anteriore

Preforare il pannello tagliato a misura in plexiglas bianco opaco con la punta per acciaio da 4,5 mm, in alto e in basso, su cinque punti di avvitamento.

Sistemare quindi i due angolari anteriori sui relativi lati anteriori, allineare al loro interno il plexiglas ed avvitare quest’ultimo con viti a testa bombata da 4 x 17 mm. Per ottenere una maggiore distribuzione della pressione, andranno utilizzate rondelle.

12

Installazione del tubo fluorescente

12 - Installazione del tubo fluorescente
Installazione del tubo fluorescente

Con le 4 viti a testa svasata da 35 mm, installare il tubo fluorescente nel pannello posteriore.

13

Montaggio della struttura di base alla parete e avvitamento della schermatura anteriore

13 - Montaggio della struttura di base alla parete e avvitamento della schermatura anteriore
Montaggio della struttura di base alla parete e avvitamento della schermatura anteriore

Fissare con tasselli la struttura di base sul muro desiderato. Contrassegnare sul muro le posizioni dei fori analogamente alla posizione dei fori sulla parete posteriore. Con l’ausilio di un rilevatore per cavi elettrici, accertarsi che nei punti prescelti non sia presente alcun cavo elettrico né tubi dell’acqua.

In funzione della struttura della parete, eseguire i fori con un trapano o con un martello perforatore e punte per pietra/per muro da 6 mm, aspirare la polvere ed inserire i tasselli. A questo punto, per mezzo di un avvitatore a batteria, avvitare le viti adeguate per appendere lo scaffale.

Da ultimo, spingere la schermatura anteriore sulla struttura di base e fissate in tale punto, dall’alto, con due viti a testa svasata da 4 x 35 mm. Attenersi, anche in questa occasione, al nostro suggerimento relativo all’avvitamento di due componenti in legno.

14

Via!

14 - Via!
Via!


Nota legale

Bosch non offre alcuna garanzia sulla completezza e l’esattezza dei manuali indicati. Bosch ricorda altresì che l’uso dei presenti manuali è a rischio e pericolo dell’utente. Attuare ogni misura preventiva di sicurezza.


 

Consulenza per gli utenti Bosch

Per domande inerenti ai nostri prodotti e relative applicazioni

:0800/ 551155

Lunedì–Venerdì: 08:00 - 20:00
Sabato: 08:00 - 16:00
Domenica: 10:00 - 16:00


Vai al modulo di contatto via e-mail

Ricerca rivenditori

 
 
 
CH
Ricorda
Annotato
Acquista ora
Cancella filtro
Visualizza filtro
Nascondi filtro
La ringraziamo per la Sua valutazione
La ringraziamo per la Sua valutazione
Visualizza altri progetti
Nascondi altri progetti
Nascondi varianti articoli
Mostra varianti articoli
Chiudi consiglio pratico
Apri consiglio pratico
Leggi resoconto delle esperienze
Chiudi resoconto delle esperienze
Nascondi elenco dettagliato dei materiali
Mostra elenco dettagliato dei materiali
Elenco di raffronto
Prodotti
Prodotto
Visualizza altri consigli
Nascondi altri consigli